Barbra Streisand e il prosciutto Ferrarini

Un castello, una bella foto, il prosciutto, i droni e Barbra Streisand. Tutto frullato insieme in una storia minuscola ed esemplare.

Da che i vecchi hanno memoria l’han sempre chiamato “il castello del Più Bello” anche se castello non è, ma una villa settecentesca fatta costruire dal conte Antonio Re. Si trova sulle prime colline emiliane, una manciata di chilometri a sud di Reggio Emilia e, incidentalmente, ad un tiro di schioppo da casa mia.

Nei secoli è passata nelle mani di ricche famiglie nobili e borghesi, fino ad approdare nel novecento alla famiglia Ferrarini, quella dei prosciutti.

Il Più Bello sta in posizione panoramica in un luogo molto coreografico, in particolare in autunno quando la vigna ben curata si accende di colori.

E’ un buonissimo esempio di tipica bellezza del paesaggio italiano e un ottimo soggetto fotografico, grazie anche a chi lo possiede.

Qualche giorno fa un utente Instagram ha scattato e pubblicato una foto del “Più Bello” con la prospettiva inedita dall’alto, utilizzando con tutta probabilità un drone. La foto è poi stata ripresa e ripubblicata dall’ufficio del turismo dell’Emilia Romagna sui suoi profili social. Sono seguiti centinaia di “like”, commenti, apprezzamenti e richieste di informazioni, per un angolo d’Emilia sconosciuto ai più.

La foto è quella che vedete in alto. O meglio, quello che vedete sopra è lo screenshot della foto prima che venisse cancellata da tutti i social.

E’ successo infatti che qualcuno ha chiesto e ottenuto la rimozione dello scatto, adducendo immagino ragioni che spaziano dalla tutela della privacy, ai diritti di immagine, dalla violazione di proprietà privata (il cielo non è sempre di tutti come invece diceva Rodari) a chissà quale articolo del codice civile.

Tutta roba discutibilissima in un’aula di tribunale per anni per chi può permettersi di impiegare molto tempo e denaro. Ma non alla portata di un singolo utente Instagram che aveva fatto solo un bello scatto.

Doveva averla pensata così anche Barbra Streisand quando denunciò Kenneth Adelman per la foto della sua villa californiana. Voleva che nessuno la vedesse e con la causa finì per mostrarla a tutti. Da allora viene appunto chiamato “Streisand effect”.

Non vorrei succedesse anche oggi. Non vorrei.

“Spiegatemi voi dunque,
in prosa o in versetti,
perché il cielo è uno solo
e la Terra è tutta a pezzetti.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei umano ? *